I villaggi tradizionali di Kinmen - 金門傳統建築 - Traditional Settlements | Kinmen Rising Project


I villaggi tradizionali di Kinmen - 金門傳統建築 - Traditional Settlements

Una delle caratteristiche peculiari dell'arcipelago di Kinmen - 金門 - JīnMén - Quemoy è la presenza di un certo numero di antichi insediamenti urbani, le cui abitazioni originali furono costruite secondo i dettami dell'architettura tradizionale del Fujian del sud. Ovviamente al giorno d'oggi ci sono anche abitazioni più moderne, ma generalmente il nucleo originale è rimasto, quasi miracolosamente, intatto. Nel corso dei secoli l'usura, l'incuria e le battaglie hanno comunque compiuto il loro lavoro, ed alcune abitazioni sono andate irrimediabilmente perdute. Con la fine della legge marziale le cose sono andate però migliorando. Grazie agli sforzi del governo locale e del Parco Nazionale di Jīnmén - 金門國家公園 - Kinmen National Park, è iniziata un'opera di recupero che ha consentito il ripristino ed il restauro di numerosi edifici in stile tradizionale. In alcuni casi però l'opera si rivela tutt'ora alquanto difficoltosa, per questioni burocratiche: capita che un edificio, magari di pregio, di proprietà di un privato, non venga restaurato per volontà del proprietario, il quale magari non possiede sufficienti risorse finanziarie oppure cerca di speculare sulla proprietà, tentando di venderla o farsi finanziare dagli enti pubblici. Ciò capita anche con alcuni edifici in stile occidentale a più piani, chiamati yánglóu, come 碧山陳清吉洋樓 - Bìshān Chén Qīngjí yánglóu; sebbene non siano in stile fujianese, fanno comunque parte dell'ambiente architettonico caratteristico dell'arcipelago.

flickr-16902941156.jpgStile tradizionale, stile fujianese (del sud) e terminologie simili fanno riferimento ad uno stile architettonico ed urbano di antiche origini, portato dai vari clan che dal continente qui migrarono, e che riguarda sia gli edifici in sé, che la loro organizzazione all'interno del villaggio. Non si parla dunque in maniera semplicistica di abitazioni coi tetti a nido di rondine, che possiamo ancora trovare anche in Cina, ma di un insieme di caratteristiche architettoniche proprie del Fujian, che ormai sul continente non esiste più: a mero titolo di esempio, tetti a nido di rondine ma anche a sella di cavallo, finestre con aperture verticali, grandi stanze dedicate agli antenati, ferrea osservazione del Feng Shui - 風水 nella scelta dei luoghi e dell'orientamento delle stanze e degli spazi, l'integrazione con elementi protettivi come i fēngshīyé - Wind Lion God, la composizione strutturale dell'edificio, i materiali da costruzione e tanto altro. Le abitazione sono catalogate secondo forma, disposizione e numero degli ambienti, composizione... (tipo base, derivato, altro).

flickr-30496382674.jpgStile occidentale o coloniale, si riferisce invece agli edifici a più piani che gli esponenti della diaspora fecero costruire a partire dall'inizio del '900; totalmente differenti ed ovviamente più recenti rispetto a quelli in stile fujianese, si inseriscono comunque parte dell'ambiente urbano, più o meno armonicamente. Possiamo paragonarli a dei palazzi in mezzo a villette a schiera, se vogliamo. Ovviamente l'impatto è però totalmente diverso...
A Kinmen esistono molti fra villaggi e frazioni, ma soltanto sette sono riconosciuti come "villaggi tradizionali". Essi sono annoverati fra gli insediamenti più antichi, e che presentano un buon numero di edifici in stile fujianese ancora ben preservati, ancorché ristrutturati. Essi sono Oūcuò - 歐厝, Zhūshān - 珠山, Shuǐtóu - 水頭, QióngLín - 瓊林, Shānhòu - 山后, Nánshān - 南山 e Běishān - 北山, tutti a Jīnmén Maggiore 大金門. Ognuno di essi presenta caratteristiche ed edifici peculiari. Tutti sono salvaguardati dal Parco Nazionale di Jīnmén - 金門國家公園 - Kinmen National Park. I primi insediamenti nell'arcipelago risalgono alla tarda dinastia Sung ed alla Yuan, ma gli edifici che possiamo ammirare al giorno d'oggi risalgono essenzialmente alle dinastie Ming e Qing. I primi abitanti provenivano da Quanzhou e Zhangzhou. Si trattava di gruppi familiari che, guidati dal capostipite, si spostarono per intero e fondarono dei villaggi per il proprio clan. Per tale motivo in ogni villaggio si trova un solo, o massimo due, cognomi. Ciò almeno in origine, in quanto col passare dei secoli ovviamente vi sono state anche delle migrazioni interne di diversi rami familiari, ma si tratta di minoranze. Mano a mano che gli insediamenti urbani crescevano, alcuni rami si spostavano e fondavano nuovi villaggi.
A Kinmen - 金門 - JīnMén - Quemoy per esempio tutti sanno che Shuǐtóu - 水頭村 fu fondato dal clan Huáng - 黃, anche se ora si trovano anche Cài 蔡, Chén 陳 e Lǐ 李. Il problema sorge quando parliamo dei diversi rami del medesimo clan, della loro origine nel continente e delle migrazioni interne, ma questa è un'altra storia...
I primi clan ad arrivare furono i Sū 蘇, Chén 陳, Wú 吳, Cài 蔡, Lǚ 呂, Yán 顏, durante la dinastia Jin Occidentale (265 - 316); alcune fonti riportano esattamente il 317 come anno di arrivo. Nel corso della dinastia Tang, con l'istituzione di un allevamento di cavalli imperiali, altri 12 clan giunsero, guidati dall'inviato imperiale Chen Yuan.
Tali gruppi familiari portarono con sé le proprie tradizioni, costumi, esperienze e conoscenze, anche nel campo dell'architettura, plasmando così i nuovi territori.

Di seguito una breve panoramica degli antichi insediamenti tradizionali.


flickr-40724967572.jpgflickr-35340089234.jpgAll'interno della zona di Gǔníngtóu - 古寧頭區, troviamo Běishān (北山聚落) e Nánshān (南山聚落), separati dal lago Shuānglǐ (雙鯉). Due insediamenti che potremmo definire gemelli, visti dall'alto, assomigliano a due pesci che girano intorno allo specchio d'acqua, con simmetria nord est - sud ovest. Molti edifici mostrano le cicatrici della Battaglia di Gǔníngtóu (古寧頭之役) tenutasi fra il 25 ed il 27 ottobre 1949; celebre è 北山古洋樓, edificio in stile occidentale, disabitato ed inaccessibile, crivellato di colpi d'arma da fuoco. Lì vicino tuttavia si trova anche la vecchia residenza del generale Qing Lǐ Guāng Xiǎn, ovvero Zhènwēi residence (振威第 oppure 古龍頭振威第 GǔlóngtóuZhènwēi). Lǐ 李 è il clan dominante, ed in quegli insediamenti vi giunse dal distretto di Tong'an - 同安区, nell'entroterra di Xiāmén - 厦门市.


Shānhòumínsúcūn - 山后民俗村 si trova invece nella zona est di Jīnmén Maggiore 大金門. flickr-15282988138.jpgÈ un nucleo di 18 abitazioni facenti parte del villaggio di Shānhòu - 山后村. Molto frequentato dai turisti, esso è circondato da una cinta muraria, ed i suo edifici sono tutt'ora occupati; in tempi più o meno recenti gli abitanti hanno attrezzato parte di essi per accogliere i turisti. Ora vi troviamo punti di ristoro e negozi di souvenir, oltre che possibilità di pernottamento in B&B. Data l'esigua estensione del blocco, non è sempre facile trovare un posto a sedere ove consumare il pasto, e comunque non si tratti di ristoranti; si mangia quel che c'è. Edificato su di una collinetta, esso declina dolcemente offrendo numerosi scorci fotografici. Lo stato di conservazione è eccellente. Il clan fondatore si chiama Wáng - 王.


Zhūshānjùluò - 珠山聚落  è forse il meno famoso fra i sette. Situato nella zona di GǔGǎng - 古崗區, esso si è sviluppato intorno ad uno laghetto chiamato Dàtán (aka Tatan) - 大潭. Fu fondato dal clan Xuē - 薛氏 che giunse a Kinmen nel 1345; di esso rimangono oggi gli antichi templi degli antenati, in ottimo stato di conservazione e la "Residenza del Generale" Xuē Shīyí - 薛師儀. Classico esempio che segue i dettami del Feng Shui - 風水, i templi danno il retro alla collina e la fronte al laghetto; l'impressione che si ha arrivando lì è quella della pace e dell'armonia. Forse per tale motivo riscontra un certo successo presso i turisti, ed a testimonianza di ciò, negli ultimi tempi i B&B sono spuntati come i funghi. Del 1776 l'unico yánglóu - 碧山 presente, anch'esso adibito a B&B.


flickr-16017832323.jpgShuǐtóu village - 水頭村 si trova vicino all'omonimo porto civile. Come gli altri villaggi tradizionali, anche lì possiamo vedere numerose abitazioni ancora in ottimo stato di conservazione. L'insediamento è diviso in tre zone: alta, di mezzo e bassa. Nella prima risiede essenzialmente il clan Huáng - 黃, nella mediana si trova anche il clan Cài 蔡; nella zona bassa troviamo Huáng - 黃 e Lǐ 李. Il villaggio è noto soprattutto per la magnificenza dei suoi edifici in stile occidentale, frutto della diaspora, e pertanto sempre numerosi sono i turisti, soprattutto dalla Cina, che lo visitano. Dal punto di vista architettonico, la magnificenza degli edifici, la sontuosità dei fregi, la bellezza degli stucchi e delle decorazioni fanno di Shuǐtóu la perla di Kinmen - 金門 - JīnMén - Quemoy, a mio modesto avviso.


flickr-31579701536.jpgQióngLín - 瓊林 fu fondata dal clan Cài 蔡. Si trova nel mezzo dell'isola di Jīnmén Maggiore 大金門. Numerosi sono gli edifici ed i templi ben conservati. Anche qui abbondano i B&B. Piuttosto esteso, è molto frequentato dai turisti a causa della sua posizione strategica e delle attrazioni nei dintorni. L'eredità culturale del clan fondatore, che vanta diversi personaggi illustri, è ancora ben presente fra gli abitanti.


Oūcuò - 歐厝 si trova poco distante dall'aeroporto. flickr-42000793785.jpgIl villaggio fu fondato dal clan Ōuyáng  歐陽, uno dei protagonisti della diaspora. Grazie alle rimesse infatti, il capostipite Ōuyáng Zhōngyuǎn - 歐陽鐘遠 fece costruire fra il 1916 ed il 1918 la più antica casa in stile occidentale di Kinmen - 金門 - JīnMén - Quemoy, chiamata appunto Ōuyáng Zhōngyuǎn yánglóu- 歐陽鐘遠洋樓. Oggi è stata trasformata in un B&B di un certo prestigio, sempre curato dai discendenti della famiglia. La vita del villaggio ruota intorno ad esso; rispetto agli altri insediamenti tradizionali, Oūcuò - 歐厝 non ha vissuto lo stesso sviluppo, anche a causa di contrasti fra gli abitanti su come gestirlo. Uno zoccolo duro pare essere piuttosto refrattario ai cambiamenti, e per quanto riguarda il settore del turismo, teme una possibile invasione che turberebbe una modo di vita secolare. Altri vorrebbero invece renderlo più vivo ed intraprendere nuove iniziative sia a livello di servizi che di infrastrutture. La parte più antica (e più sonnolenta) dell'abitato è quella più vicina alla costa, verso l'isolato tempio Wǔxiǎn miào - 五顯廟, e presenta una perfetta struttura "a schiera".

flickr-30807096803.jpgNel corso dei secoli, la popolazione è cresciuta, e con essa il numero di insediamenti. I clan si sono ramificati ed hanno occupato nuovi territori. Uno scenario che può apparire piuttosto complesso ai profani di genealogia locale... Infatti lo è! Tuttavia per identificare quale ramo di un certo clan risiede in un certo abitato, esiste un metodo abbastanza semplice, per chi sa leggere il cinese. I templi dedicati agli antenati (祠堂... 家廟...宗祠...) o ancestral hall, recano sempre sulla porta principale il nome del clan, e altre indicazioni, come il ramo (cioè la zona di provenienza originaria della Cina), o il nome del capostipite o di altro membro illustre della famiglia.

 

Fonti: www.kmnp.gov.tw/information/theme_travel_info/18
金門戰地紅磚文化系列遺產-申請世界遺產文本_內容