Caposaldo W-027 據點 Fortress | Kinmen Rising Project


Caposaldo W-027 據點 Fortress

flickr-37083403491.jpgLa fortezza W027 si trova nei pressi del lago Cí. Dalla strada che delimita tale specchio d'acqua e che passa per Cihu Triangle Fortress - 三角堡, si giunge all'incrocio con una stradina che porta la villaggio di Nánshān - 南山, chiamata Nanshan Path - 南山林道; lì, invece che proseguire verso l'abitato, ci si deve dirigere verso la vicina costa, per qualche decina di metri. flickr-36828668550.jpgUn piccolo ponte in legno permette di oltrepassare il fossato a protezione del complesso militare e di giungere al cancello d'entrata. Recentemente ristrutturato, è per la maggior parte visitabile (come sempre, alcuni passaggi non sono accessibili). flickr-36828316310.jpgIl caposaldo difensivo si trova in una posizione altamente strategica. Ad est, sud-est permette di controllare il canale di Lièyǔ - 烈嶼 e la costa ovest di Jīnmén Minore 小金門, mentre verso nord, nord-est permette il controllo dell'area marittima che la frappone al territorio della Cina Popolare. Si tratta di un complesso militare piuttosto esteso, del quale però la maggior parte è interrata. flickr-37054188312.jpgCome si può vedere nella mappa, la parte apicale visibile, costituisce solo una frazione della struttura. Protetta, come detto, da un fossato nell'entroterra, gallerie sotterrane portano a casematte, ora nascoste dalla boscaglia, che dall'alto sorvegliano la sottostante spiaggia. flickr-36388815964.jpgUn tempo, quegli alberi probabilmente non c'erano, poiché impediscono la visuale della spiaggia. W027 è uno dei sei coposaldi difensivi principali che si affacciano sul canale di Lièyǔ - 烈嶼, insieme a W029 (Cihu Triangle Fortress - 三角堡), W031, W032, W033 e W042; esso è conosciuto anche col nome di Huxia Camp ("accampamento" sotto il lago), e venne costruito fra il 1986 ed il 1988 dai soldati utilizzando granito e cemento armato. flickr-36411798063.jpgUn lavoro estenuante che li vide impegnati giorno e notte. Data la sua posizione strategica, l'esercito della Cina Popolare inviò a più riprese degli scout per raccogliere informazioni. flickr-36388860704.jpgPer impedirne l'accesso, le truppe del Kuomintang ricorsero ad una serie di statagemmi già sperimentati dai Vietcong contro gli Americani. Installarono una serie di trappole non particolarmente sofisticate e dal costo irrisorio, ma piuttosto efficaci. Le cosiddette "booby traps" - "trappole per tonti", possono essere di diversa foggia e grandezza, utilizzano materiali diversi, e servono a ferire od uccidere chi vi incorre. In particolare le forze di difesa facevano qui uso delle "spike boards", delle tavolette di legno con diversi chiodi che scattavano contro il malcapitato di turno che aveva attivato la trappola. Sfortunatamente talvolta erano gli stessi uomini deputati alla costruzione a finire nelle trappole, e ciò causò dei ritardi nel completamento dei lavori.

flickr-36411719003.jpgflickr-36411726633.jpgL'imponente baluardo difensivo era dotato di diversi armamenti, leggeri e pesanti. Contro gli incursori nemici, i soldati della fortezza avevano a disposizione due mitragliatrici Browning M2 calibro 50, due mitragliatrici leggere T-74 calibro 7,62mm dislocate all'interno dei bunker e sui punti più alti del complesso, nelle vicinanze delle postazioni di sentinella e presso le farie feritoie. flickr-37083548251.jpgLa parte più importante dell'armamente era comunque costituita dai pezzi d'artiglieria. Due batterie anti aeree trainate M1A1 da 90mm (20 colpi al minuto) erano ospitate ognuna in una casamatta agli estremi del complesso. flickr-36828336980.jpgSi tratta in realtà di un pezzo d'artiglieria piuttosto versatile, in grado di fungere anche da arma controcarro e per bersagli a terra, con gli opportuni accorgimenti. Personalmente ritengo che all'interno dei bunker potesse essere utilizzato solo per bombardare la spiaggia ed eventualmente i mezzi da sbarco, data la presenza del soffitto che impedisce di alzare il tiro; all'esterno invece potevano essere montati, grazie alle ruote, come postazione anti aerea. flickr-37226527175.jpgIn appoggio alla fanteria c'era a disposizione un obice leggero M1 Pack Howitzer da 75mm. flickr-37054303222.jpgContro i mezzi blindati avevano a disposizione un cannone controcarro M1 57mm, e per dare il benvenuto agli eventuali invasori sulla spiaggia, un mortaio T-75 da 60mm. flickr-36828634490.jpgNel 1999 venne aggiunto un cannone automatico T-75 da 20mm, derivato dall'americano M39 (una specie di grossa mitragliatrice in uso sia su navi che aerei, mezzi corazzati e non ed anche per la fanteria), probabilmente montato su di una camionetta leggera per un veloce trasporto, o montato su qualche postazione difensiva. flickr-36828645020.jpgIl caposaldo era quindi dotato diversi armamenti per far fronte ad un eventuale attacco sia dal mare, che dall'aria. Il numero dei pezzi potrebbe apparire esiguo, ma in realtà la fortezza non era sola a difendere quel tratto di costa. flickr-37083596721.jpgData la sua posizione su di uno sperone dell'isola, nel corso degli anni venne ripetutamente utilizzata per esercitazioni di tiro a fuoco.
All'interno sono presenti immagini e cartelli che descrivono le operazioni che vi si svolgevano, gli ambienti in cui vivevano i soldati e gli armamenti utilizzati. Fortunatamente le immagini ed i disegni sulle pareti sopperiscono alla mancanza di informazioni in lingua inglese.

W027 Aerial view

flickr-37035771106.jpgflickr-36828378370.jpgDalle mappe sopra e sotto si può meglio comprendere la struttura del caposaldo. Esso è circondato da tre lati da un fossato e si sviluppa attorno ad un terrapieno a ridosso dello stesso, lungo due direttrici all'incirca perpendicolari fra loro. L'esistenza del terrapieno mi lascia un po' perplesso, in quanto non riesco a comprenderne bene la funzione, poiché a poco sarebbe servito in caso di attacco da quel lato, se non a proteggere flebilmente il blocco principale rispetto ad un tiro diretto. flickr-36828542580.jpgTuttavia vicino all'ingresso vi è un entrata laterale, al momento della mia visita non accessibile, che potrebbe far presupporre l'esistenza di qualche ambiente nelle sue viscere. Inoltre sopra si trova un cubo metallico che potrebbe nascondere dei pannelli elettrici, per cui potrebbe essere che al di sotto ci fossero dei gruppi elettronici o qualche altra cosa utile alla vita nella fortezza, come per esempio una cucina. Ad ogni modo quello era il lato più scoperto.
flickr-37036047706.jpgSempre dalle cartine si possono distinguere tre aree principali. Quella verde muschio rappresenta la struttura principale, con gli alloggiamenti della truppa, la stanza del sottoufficiale di turno, quella per le attività ricreative, gli alloggiamenti per la truppa.flickr-36828562330.jpg

flickr-36388966564.jpgLa zona color porpora rappresenta i passaggi camminabili in superficie, quella color crema i tunnel sotterranei ed i bunker aperti al pubblico. In blu infine sono rappresentati i tratti di tunnel sotterranei non aperti al pubblico. Questi ultimi sono costituiti da due rami che si insinuano nella roccia, sbucando poi in superficie tra la boscaglia che nel frattempo li ha ricoperti. flickr-37054434802.jpgQuesti tratti sono difficilemte attaccabili, sia per via della loro forma, lunga e sottile, sia perché da quel lato, ovviamente, non presentano entrate. Lungo i rami si trovano feritoie che permettevano ai soldati di far fuoco con armi leggere, ma in certi punti si trovano anche delle piccole casematte per l'uso di mitragliatrici, ed altri ambienti. Spero che questi tunnel vengano presto aperti al pubblico.
flickr-37035749616.jpgflickr-36411493553.jpgAd ogni modo la parte al momento visibile è soddisfacente. La distanza fra i due bunker che ospitavano gli M1A1 da 90mm è di circa 60 metri, e sono congiunti da un tunnel che attraversa l'edificio principale. Ad di sopra si trovano dei camminamenti per i soldati e delle torrette di guardia; è ancora visibile una piattaforma rotonda, probabilmente per fissare una mitragliatrice pesante.
2

flickr-36411664983.jpgRispetto alla spiaggia, la fortezza si trova in posizione più elevata; per attaccarla gli assalitori avrebbero dovuto sorpassare un primo livello, attualmente ricoperto dagli alberi, ritrovandosi dinnanzi ai due bunker con armamento pesante, e poi quest'ultimo per arrivare ai camminamenti superiori.
flickr-36411900503.jpgDalle postazioni di guardia si può godere del sottostante panorama, che si estende sino alla spiaggia sottostante, a cui si può arrivare mendiante un sentiero che parte dalle vicinanze dell'entrata della fortezza, a sinistra, e si inoltra nella boscaglia; in inverno, al tramonto, si possono anche osservare i cormorani in volo. Dalla spiaggia si allunga un banco di sabbia, ai cui margini vengono allevate le ostriche, che si possono vedere con la bassa marea.
Per i visitatori, è inoltre possible usufruire dei bagni.

flickr-37226678755.jpgflickr-36389042414.jpgflickr-36828605840.jpgflickr-37054364222.jpgflickr-36389128454.jpgflickr-36828645020.jpg