Ōuyáng Zhōngyuǎn yánglóu- 歐陽鐘遠洋樓 | Kinmen Rising Project


Ōuyáng Zhōngyuǎn yánglóu- 歐陽鐘遠洋樓

flickr-42901324151.jpgNel villaggio di 歐厝 - Oūcuò si trova il più antico edificio in stile occidentale dell'arcipelago di Kinmen Jīnmén 金門 Quemoy. Fu costruito da Ōuyáng Zhōngyuǎn - 歐陽鐘遠 fra il 1916 ed il 1918. Egli era uno dei numerosi espatriati che fecero fortuna all'estero, nella fattispecie in Malesia e Singapore, nel settore della pesca, e del commercio di alimentari e gomma. Quando si ritirò dall'attività lavorativa, fece ritorno nell'arcipelago, e ordinò la costruzione di un edificio che ricordasse la magnificenza delle residenze dei coloni europei nel Sud Est Asiatico, dando così lustro alla propria persona ed al proprio clan familiare. 歐厝 - Oūcuò village IMG_4754.JPG歐厝 - Oūcuò village IMG_4749.JPGLa storia di "casa Ouyi" come veniva anche denominata, è piuttosto lunga ed affascinante. Nel 1945 fu scuola elementare, nel 1948 anche sede di un giornale per gli espatriati. Nel 1957 la scuola venne spostata a Zushan, e la costruzione divenne quindi un emporio, il Shùntiān shāngdiàn - 順天商店, i cui migliori clienti erano i soldati della vicina guarnigione. Si può facilmente immaginare come in quei tempi difficili il negozio fungesse un po' da punto di ritrovo soprattutto per i militari, per scambiare quattro chiacchiere, ma anche per gli abitanti del villaggio. 歐厝 - Oūcuò village IMG_4750.JPGLa situazione cambiò alla fine degli anni novanta, quando con la morte della madre dell'attuale gestore, l'esercizio commerciale venne chiuso, mentre l'abitazione cadde purtroppo in disuso. Quest'ultima nel 2008 venne quindi ceduta in gestione al Parco Nazionale di Kinmen per un periodo di 30 anni, a condizione che questo provvedesse a ristrutturarlo, compito che venne assolto. L'amministrazione dell'ente poi tentò inutilmente di trovare qualcuno a cui dare in gestione l'ex emporio. Negli anni successivi fu fatto un tentativo di aprire un ristorante di un certo livello, cucina giapponese al piano terra e carne al piano superiore, ma l'attività venne successivamente cessata (nonostante le positive recensioni, forse i prezzi erano un po' troppo alti per le tasche locali, partendo da circa 1000NT$). Oūcuò Ōuyáng Zhōngyuǎn Western-style House - 歐陽鐘遠洋樓: Tea house / shop insideNel 2017 l'attuale gestore, ultimo discendente del clan Ōuyáng, decise che era ora che l'edificio ritornasse ai fasti di un tempo; lo prese in gestione, stipulando un apposito contratto col Parco Nazionale di Kinmen, e lo trasformò in una struttura recettiva per turisti; al primo piano si trova una casa da té con negozio, mentre lo spazio rimanente è stato arredato ed allestito con gusto, per fornire agli ospiti del retrostante bed & breakfast (sempre della famiglia Ōuyáng) un luogo accogliente per rilassarsi, leggere o fare quattro chiacchiere.
歐厝 - Oūcuò village IMG_4742.JPGflickr-42000642015.jpg L'edificio è costituito da due piani; l'entrata principale si affaccia su di una strada che attraversa il villaggio, mentre posteriormente si trova un ampio cortile interno che lo separa dalle altre abitazioni della famiglia, attualmente destinate in parte agli ospiti, e dal tempio di famiglia. Al di là del cortile interno, c'è anche una piccola mostra di architettura tradizionale cinese, sulla struttura dei tetti. Sullo stesso spiazzo si affaccia anche un balcone, al primo piano; esso copre un piccolo porticato ed è a sua volta sovrastato da un altro balcone al secondo piano, al quale si accede, suppongo, direttamente dal tetto. 歐厝 - Oūcuò village IMG_4741.JPGQuesta parte della struttura potrebbe forse essere successiva alla costruzione dell'edificio principale, in quanto lo stile vi si discosta ed anche i mattoni sono di tipo diverso; inoltre le colonnine dei due balconi sono differenti, frutto probabilmente di successive ristrutturazioni. Tuttavia potrebbe darsi che sia stata edificata subito dopo la casa ed abbia poi subito delle ristrutturazioni nel corso degli anni, che ne hanno modificato l'aspetto originale. Sicuramente vi sono stati dei lavori successivi al 2008, poiché da fotografie di quegli anni il balcone del primo piano non appare molto stabile.

flickr-29029051028.jpgAnticamente sia l'edificio in stile occidentale che quelli retrostanti erano cinti da mura difensive; non dimentichiamoci che l'insediamento di 歐厝 - Oūcuò si trova vicino alla spiaggia ed era sovente vittima di scorrerie da parte di pirati e briganti, ed esso stesso costituiva un primo baluardo difensivo per l'isola; inolre Ōuyáng Zhōngyuǎn yánglóu- 歐陽鐘遠洋樓 non era stato costruito esattamente per essere invisibile, dunque era spesso oggetto di attenzioni non desiderate. Ancora da fotografie del 2008 si nota come le mura circostanti fossero in parte diroccate e preda di vegetazione intrusiva, mentre al giorno d'oggi sono state rimesse in sesto.

flickr-42853101042.jpgDalla facciata principale si nota il tipico tetto in stile fujianese, ornato da colonnine sui due lati più lunghi. Quattro semplici finestre al piano terra, altrettante ma sormontate da archi a tutto tondo e stucchi al piano superiore. Alla porta d'ingresso corrisponde invece un'altra porta, chiusa da tre colonnine, anch'essa ornata da un arco a tutto tondo, sopra al quale si trovano due bandiere incrociate che si riferivano alla Repubblica di Cina ed al Kuomintang, sormontate da una testa di leone. 歐厝 - Oūcuò village IMG_4737.JPGflickr-42853096892.jpgFra parentesi, all'epoca della costruzione si era in pieno periodo di rivoluzione cinese, e soprattutto gli espatriati ne seguivano l'evoluzione con fervore ed entusiasmo, portandoli talvolta ad esporre quei simboli sulle proprie nuove abitazioni in stile occidentale. flickr-28032906757.jpgEsse non vanno confuse simboli e scritte inneggianti al Kuomintang ed alla ripresa della Cina continentale, che sono invece risalenti al periodo della ritirata del partito nazionalista, e che si possono trovare su edifici più moderni oppure su vecchie case, a caratteri cubitali.
Interessanti sono gli stucchi che ornano le finestre; si notano due gazze, che simboleggiano la doppia felicità, e dei rami di pesco, che oltre ad allontanare gli spiriti malvagi, simboleggiano la longevità. flickr-42183092464.jpgLa rappresentazione di tali valori tradizionali, attraverso allegorie che fanno parte della cultura cinese, paiono in netto contrasto con lo stile architettonico occidentale della costruzione, almeno quanto le sovrastanti bandiere. Tuttavia, mentre le bandiere incrociate risultano piuttosto evidenti alla prima occhiata, le decorazioni a tema naturalistico ben si inseriscono negli archi a tutto tondo, conferendo alla squadrata facciata un aspetto più gentile ed armonioso. Anche la caratteristica tettoia in stile vagamente arabo che protegge lo stucco della testa del leone spicca fra le linee squadrate e simmetriche, mentre l'arco a foglia triloba sull'entrata, che probabilmente contornava un'iscrizione od un altro stucco, risulta meno evidente, proprio in quanto al suo interno non è più possibile scorgervi alcunché. Le curve tipiche dei tetti a sella di cavallo consentono un ulteriore alleggerimento della struttura.
Le finestre laterali ripropongono lo stile di quelle della facciata frontale, null'altro è concesso al lato estetico.
歐厝 - Oūcuò village IMG_4752.JPGSebbene dall'esterno Ōuyáng Zhōngyuǎn yánglóu- 歐陽鐘遠洋樓 possa sembrare più tozzo e meno rifinito rispetto ad altri edifici simili, va ricordato che esso è stato il primo, quello che ha aperto la strada ed è stato preso ad esempio; per tale motivo il suo valore storico supera quello artistico, che comunque già presentava i primi elementi caratteristici di quello stile architettonico peculiare degli edifici in stile occidentale di Kinmen.

歐厝 - Oūcuò village IMG_4755.JPGCome già anticipato, gli interni sono stati completamente rifatti, mi permetto di dire, con un certo stile. Accanto alle comode poltrone e divani, troviamo anche qualche antico suppellettile, bauli d'epoca e persino la riproduzione di una vecchia cassetta della posta. Non mancano però le sorprese a ricordarci l'età della costruzione ed il prestigio dei suoi proprietari. 歐厝 - Oūcuò village IMG_4761.JPGPossiamo infatti notare la presenza di una vecchia parete che separa un corridoio da una stanza, al primo piano. Essa è costituita da diverse parti originali in legno. Una grata a tema romboidale costituisce la porzione apicale; 歐厝 - Oūcuò village IMG_4756.JPGal di sotto si trova un pannello, recante la scritta "金玉滿堂" e due dipinti in stile cinese raffiguranti scene e paesaggi di un tempo ormai remoto. 歐厝 - Oūcuò village IMG_4762.JPG歐厝 - Oūcuò village IMG_4763.JPGIl resto della struttura è composto da una serie di pannelli finemente intagliati di color oro, un rosone centrale ed altri tre pannelli dipinti, Soprattutto questi ultimi presentano i segni del tempo ed appaiono alquanto sbiaditi. Di fronte alla parete troviamo un'altra grata a trama romboidale con un pannello sottostante analogo al precedente: una scritta centrale e due dipinti laterali. A parte le condizioni non propriamente eccellenti, va riconosciuto che nonostante l'età e la poca manutenzione effettuata nel corso degli anni, i dipinti su legno rappresentino una delle poche testimonianze di arte pittorica di inizio '900 presenti nell'arcipelago ed ancora discretamente fruibili. I colori, figure e paesaggi, ancorché sbiaditi, sono ancora riconoscibili. In altri edifici in stile occidentale - yánglóu, che sono più recenti, difficilmente possiamo trovare dipinti su legno, soprattutto in uno stato di conservazione ancora accettabile. È più facile ritrovare stucchi con una qualche traccia di colore, qualche decorazione dipinta sulla calce delle pareti in muratura, di epoca sicuramente più recente; oppure piastrelle in ceramica originali che meglio hanno resistito allo scorrere del tempo. Sulla qualità artistica, non ci esprimiamo, non avendone le competenze.

Ōuyáng Zhōngyuǎn yánglóu- 歐陽鐘遠洋樓 si trova alle seguenti coordinate GPS: N24.407998, E118.331578

歐厝 - Oūcuò village IMG_4759.JPG